Un museo sovietico a cielo aperto

LeninIn tutto il resto d’Europa si sono sbarazzati degli scomodi retaggi sovietici in maniera veloce ed efficace, relegandoli a qualche museo sovietico per la gioia dei turisti.
A Minsk é ancora tutto qui.
Le statue di Lenin osservano il popolo con amore da molte piazze e strade.
A 300 metri da qui c’é Piazza Lenin.
Sottoterra, un mega centro commerciale. Modernissimo.

Potrei fare un commento sul simbolismo della cosa, ma sarebbe scontato.

L’altra sera parlavamo con un ragazzo. Eravamo a cena in una specie di night anni 70, in stile sovietico, fuori in periferia.
Il classico luogo dove la nomenklatura sovietica portava le amanti.

Ci raccontava una bella storia, che vi riporto:
“Una mia amica é andata negli Stati Uniti per 6 mesi, per uno scambio scolastico, e quando é tornata era cambiata. Vestiva in maniera diversa, parlava in maniera diversa, pensava in maniera diversa.
Voleva assolutamente tornarci.
Io le chiesi cosa fosse successo. Non capivo.
Mi rispose che era la sensazione di libertà. Continuavo a non capire.
Mi disse che non potevo capire, é una cosa che si può solo vivere.
Se ne andò e non tornò mai più.

Qualche anno dopo andai a trovare i miei parenti in Germania  e in Italia.
Allora capii anch’io.
E’ una sensazione indescrivibile, ma quando l’hai provata non ne puoi più fare a meno.”

Poche parole, semplici, ma preziose.
Ok, adesso andate pure a vedere Studio Aperto, anche questa é libertà.

5 pensieri su “Un museo sovietico a cielo aperto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *