TripLife 1.0 – La Ricerca (13)

TripLife 1.0 - Manuale per vivere e lavorare viaggiando Questo è un capitolo del libro che sto scrivendo online: TripLife 1.0 Manuale per Vivere e Lavorare Viaggiando.
Qui c’é la presentazione.
Mandami commenti, critiche e suggerimenti, mi aiuterai a scriverlo nel miglior modo possibile.
Questo capitolo si chiama:

La Ricerca

Ok, hai letto il capitolo precedente, ti sei messo in “Search Mode”, hai gli occhi aperti e cerchi un’opportunità.
Facile a dirsi, ma come si fa a trovare un’opportunità?
Non é facile.
Le opportunità facili da vedere sono state già sfruttate da qualcun altro e sono rimaste solo le difficili.
Difficili non da realizzare, quella é un’altra storia, ma da vedere, appunto.

Quindi in questa fase del tuo progetto devi imparare a vedere quello che gli occhi non sempre riescono a cogliere.
Lo so, suona un pò troppo “il cuore vede quello che gli occhi non vedono“,  solo che non è il cuore l’organo in questione qui, ma il naso.
Devi imparare ad annusare le opportunità.

Ma é davvero così? Se una cosa c’é la vedo, perché devo essere in ricerca per vederla? Se c’é la vedo, se non c’è non la vedo. Semplice.
Si, semplice, ma sbagliato:

Immagina di camminare per una strada di Bangkok e, stufo di riso fritto, sogni un bel croissant per colazione, magari con un buon caffè, anzi, magari un cappuccino.
Stai camminando per una via percorsa decine di volte e come al solito gli odori sono talmente tanti da risultare impossibili da decifrare: é come se si trattasse di un odore unico.

Ma oggi hai voglia di caffè e croissant e, senza rendertene conto, il tuo naso si é affinato su quelle frequenze quando di colpo, tra le mille sensazioni olfattive che ti assalgono, ecco che senti il caffè! E poi il croissant!

Ti guardi in giro e vedi, tra i mille altri, un cartello con scritto “Caffé e croissant”. Lo segui.
Dopo due minuti sei seduto davanti a un cappuccino vero e un croissant che sembra uscito da una boulangerie di Rue de Seine.
Tra un sorso e un boccone ti dici “che culo” e ti scende una lacrima sul viso.

Un altro esempio, reale: io e PaoloTripMaiTrop,  eravamo a Praga, si parlava di business e volevo fargli un biglietto da visita.
Era l’ultimo giorno, stava per partire per l’Argentina, e disse:
– “Dai, cerchiamo un negozio che fa i biglietti da visita e lo facciamo“.
– “Ma dove cacchio vuoi trovare una tipografia in Piazza Venceslao???? E’ da una vita che ci vengo e non me ho mai visto una, ma ti pare?? In Piazza Venceslao!!“, dissi io.
Stava ancora eccheggiando il “Venceslao..slao..lao…ao..ao” che vidi un cartello che diceva:
“Business cards in 2 hours”.
Entrammo e facemmo (era il 2001, per questo uso il remoto) i biglietti da visita.
Che culo (e che figura).

La notizia é che non é stata fortuna, la mia, e nemmeno la tua.
Eri alla ricerca e hai trovato.
Se fossi passato per quella strada in un altro momento al 99% non avresti visto il cartello, non avresti potuto fare una nota mentale e tornarci la mattina dopo per colazione.
E avresti mangiato riso fritto, che sarà anche molto local ma che coglioni dopo due mesi!
Mentre io in Piazza Venceslao ci sono stato decine di volte, e sono passato decine di volte davanti a quel negozio ma non l’avevo mai visto.

La lezione che se ne trae é che il “Search Mode” é un prerequisito essenziale.
Senza di quello non vai da nessuna parte.

Va detto subito che é appunto solo un prerequisito, e che quindi non è la soluzione finale per ritrovarsi in mano un’attività lucrativa e funzionante.

Mi scuso se vado piano, forse vorresti che arrivassi al dunque e dire come cavolo si fa a vivere e lavorare viaggiando, snocciolare delle idee e delle tecniche per metterle in piedi, e lo farò, ma non possiamo proprio saltare questi passaggi.
E se cerchi soluzioni preconfezionate lascia stare, non esistono, chi te le vende ti sta fregando e non hai l’atteggiamento giusto.
Sei solo, ricordi?

Ricapitolando:
– Sei passato dalle ferie alla ricerca.
– Sei in ricerca e inizi a vedere opportunità.

Nel prossimo capitolo cercherò di dimostrare un altro assunto fondamentale: é pieno di opportunità.
Perché? Perché se non ci credi non le vedi.

Continua

4 risposte a “TripLife 1.0 – La Ricerca (13)”

  1. Un buon inizio. Condivido.
    Le opportunità sono infinite, ed è uno dei pochi aspetti veramente piacevoli della società nella quale viviamo; e non vanno dimenticate le possibilità di accedere a finanziamenti esterni, spesso anche a fondo perduto.
    Un assunto fondamentale è il seguente: ci sono molti più soldi in giro, che idee: è pieno di fondi bancari, assicurativi, fondi comunali, provinciali, regionali, statali, europei, fondazioni benefiche, che aspettano solo che qualcuno abbia le idee e la determinazione per metterli a profitto. Quando parlo di profitto, intendo parlare anche di fondazioni private, per le quali il profitto va inteso a volte come incremento del benessere sociale.
    Il punto di partenza, ribadisco, per me è corretto. Vediamo come si sviluppa: sono in trepida attesa.

  2. Luca io lavoro in fabbrica..da 10 anni..faccio una vita normale,.. tu capisci cosa intendo…per vita normale. Ho una casa, il lavoro la famiglia e gli amici… 5 mesi fà sono stato 1 mese in Australia ho girato la stessa zona del tuo primo viaggio, conosciuto persone straordinare,…che ancora mi aspettano …ed ora son quà….uguale a quello di prima..
    Sono stufo…a volte sento di poter impazzire…vorrei scappare ma nn ne ho la forza…
    se scappassi così come hai fatto tu…mi si affolla la mente di domande…il lavoro…che ho è oro qui…e ringrazio il cielo di averlo ma nn è ciò che voglio..nn mi manca niente eppure mi manca tutto…che situazione di merda- ditemi come si fà…forse nn ho mai lottato realmente per avere quanto ho…e me ne rendo conto…ora a 32 anni mi sento vuoto. Vorrei conoscere il mondo…tutto quanto possa portarmi lontano…ho un pò di soldi da parte…certo con un amico sarebbe + facile…ma sono pochi i pazzi a questo mondo…che farebbero qualcosa del genere. Io vi ammiro….siete persone speciali…dovreste creare un scuola dove poter insegnare il coraggio…di staccare tutto e scappare alla ricerca di se stessi….che alla fine è ciò che cerchiamo tutti. Ciao.

  3. Sei una persona straordinaria, avessi conosciuto prima questo sito ^^

    Hai dimentiucato il collegamento al prossimo capitolo (Continua) alla fine 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *