Verso una lapide migliore

Ho sempre tenuto divisi il mio essere “trip” e il mio lavoro.

Il motivo non é un purismo di viaggiatore. Avevo semplicemente paura che se si fosse scoperto che dietro ai miei siti c’era un backpacker, molti non avrebbero prenotato preferendo un sito più serio con dei lavoratori veri alle spalle, non un tripluca qualunque.

Come in tutte le situazioni che ci portano a non essere liberi di esprimerci per quello che siamo, ma ad avere due facce, non ero completamente soddisfatto.
Certo, si trattava di un dualismo completamente virtuale e non totale: a chi mi conosce come tripluca non ho mai nascosto nulla, anzi, la storia é lì per essere letta dall’inizio, sin dalla sua genesi.
Ed ai proprietari non ho mai nascosto di spendere i soldi delle loro commissioni in capirinhas a Natal, si-fu-frai-rai a Bangkok e tabacco per la pipa di Porchetti ovunque ci fosse la situazione giusta per una ripresa.

Ma non mettevo troppi link dai siti trip verso i siti business per evitare che da quelli si potesse risalire all’origine barbona di un business rispettabile.

Poi, l’idea di coinvolgere le persone che mi conoscono come tripluca nel nuovo progetto,  la raccolta dei soldi, la creazione di un gruppo (los ventiuno)…tutto succede molto in fretta e non mi accorgo della cosa più importante:
é il trip che dà un mano al business, vendicandosi così, bonariamente, della poca considerazione.

Ed é anche, finalmente, il trip che non si vergogna e il business che lo accoglie con pari dignità.

A pensarci bene é giusto: il business é figlio del trip, nato grazie a lui e in funzione sua.

Questa cosa mi ha colpito a Praga, dove siamo stati con i Manager a gennaio.
Non l’avevo ancora capita appieno, ma trovarmi lì con loro, a parlare di affari ma a sognare di libertà, mi ha confermato che tutto ha un senso e forse segue un filo.

La storia ha una sua potenza che non richiede altro che la cronaca semplificata:

ragazzo che vuole viaggiare e cerca un modo, lo trova trafficando in internet, viaggia molti anni, poi ne coinvolge altri per fare una cosa più grande, e assieme creano una realtà che permette a molti di loro di viaggiare (o essere liberi in un altro modo).

C’é quella cosa in più.

Si, parliamo di business, si sono mossi soldi, e lo scopo é che tornino moltiplicati. Io lo faccio per puro interesse personale.
Capitalismo puro. Ok.

Ma quella cosa in più c’é, palpabile.
Quella cosa che le multinazionali cercano di creare con degli slogan ma che dentro non hanno niente se non  i soldi spesi nel concepirli.
Noi ce l’abbiamo, e non dobbiamo nemmeno comprarla.

C’é, perché nasce da un’esigenza di maggior libertà, non da quella di fare i soldi per i soldi in sè.
E se questa cosa dovesse andare bene noi non saremo “quelli che  hanno i siti di appartamenti”, ma “quelli che lavorano online e hanno mandato  a fanculo capi, orari e costrizioni”.

C’è chi viaggia, chi sta di più a casa con la famiglia, chi lavora meno e legge di più….chi fa più quello che sente, e meno quello che gli viene ordinato.

Per me é la sintesi perfetta tra il bisogno di lavorare e la necessità di fare qualcosa di più grande.
Ai “tempi della cravatta” percepivo un certo vuoto nello spaccarmi il culo per vendere più pompe dei concorrenti (non fraintendetemi vi prego).
Già vedevo la mia lapide con su scritto “aumentò il fatturato della Project del 12%”.

Oggi posso sognare una lapide migliore: “lotto per la propria libertà e poi per quella degli altri. Non ce la fece e finì a fare il trans depilato a Bogotà. Ma almeno lui ci provò”.

E’ più bello svegliarsi la mattina pensando a una lapide così, no?

Con un sogno del genere si può andare lontano. Ce la faremo?
Ci proviamo.

9 risposte a “Verso una lapide migliore”

  1. Ti sentivo alla radio, mentre facevi il giro del mondo, e ti ho seguito da lì per mesi…non si capiva per quanto tempo saresti potuto andare avanti così ma io avrei scommesso su di te, senza dubbio.
    Splendido Luca, possiedi una intelligenza veramente affascinante

  2. sicuramente concordo con te perche’ ank’io ho mollato la carriera, il posto di lavoro sicuro per la liberta’ di viaggiare. in bocca al lupo per questo tuo nuovo progetto

  3. Una sintesi perfetta del tuo essere. Rispecchia tutto ciò che abbiamo letto di te in tutti questi anni, non ci nascondi mai nulla. Se fossi stato un bluff, saltavi in poche settimane. La sincerità paga, sempre.
    Ciao e buon lavoro!
    Benny.

  4. Beh se molti ti ammirano un motivo c’è…
    Bello il video ma la parte finale con il piede in vista è qualcosa di raccapricciante!

  5. Sintetizzo con Dante:”Sì come una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire”.
    🙂

  6. Cosa si può dire di una persona come te Luca… ci sarebbe da augurarsi di averti in italia per come ragioni sull’etica e business e sui propri principi, ma purtroppo condividendo ogni singola cosa che hai scritto sul tuo sito, sulla tua storia, condivido anche il motivo della tua partenza dal nostro paese, dovresti tenere le lezioni nelle università e spiegare tutto quello che hai detto per far capire quanto sia importante la cooperazione e non fare reddito fine a se stesso.
    Grazie x quello che hai scritto è un iniezione di fiducia nel pensare che esistono le persone che hanno davvero un etica senza bisogno di essere dei bacchettoni.
    KATERINA

  7. C’è una cosa che mi piace nella tua evoluzione di questi 6 anni (cioè da quando ti seguo).

    Tutto è nato col desiderio di dire “vaffanculo, io voglio vedere il mondo, viaggiare, scoprire”. Ora invece è “vaffanculo, io voglio essere libero di fare quello che voglio”.

    Vivere viaggiando si è trasformato in vivere libero.

    E di questi tempi essere liberi è grande cosa…

    Grande Luca!

    …ora però mettiti a lavorare che son troppi anni che cazzeggi a non far nulla. Non metterai mai la testa “apposto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *