Morte di un viaggiatore

Fausto, Giuseppe e Paolo a St. Kilda Citazione: Siamo a Melbourne e sono le tre di mattina. Sono seduto al tavolo della sala da biliardo dell’ostello, gente che gioca, musica alta, chi va a letto, chi si sveglia, chi esce, chi entra. Un tipo ha appena saltato una sedia e si e’ messo a rincorrere un amico in giro per i corridoi. Una ragazza che sembra Brigitte Nielsen parla al telefonino girando per le stanze. Fausto e’ andato a letto e io comincio la nostra storia…..

Nel 1999 abitavo a Selva del Montello con Fausto. Decidemmo assieme di lasciare tutto e andare in Australia. Lasciammo i lavori e la casa e partimmo. Dopo pochi mesi la decisione di viaggiare ognuno per conto proprio.
Al rientro vivemmo ancora un pò assieme a Selva, poi io me ne andai in Spagna e lui da qualche altra parte. Ci perdemmo.
Quando tornavo in Italia lo cercavo e solo una volta lo trovai, ma era impegnato con la ristrutturazione della casa e non ci incontrammo.
Eravamo stati grandi amici e avevo paura che non lo fossimo più. Pensavo spesso a lui.

Un paio di mesi fa mi chiama Paolo e dice che Fausto é in ospedale. Lo chiamo e sua madre mi dice che lo stanno curando.
Quando esce vado a trovarlo: tumore al cervello.
Parliamo, mi appare positivo e speranzoso. Non gli faccio la domanda chiave: che speranze ti danno i medici?
Mi dice che purtroppo per sei mesi non potrà fare niente, deve prima guarire. Si lamenta del fatto che non può nemmeno guidare.
E’ vivo, stanco di parlare della sua malattia, degli amici che lo chiamano per sapere come va. Vuole respirare vita. Parliamo degli anni passati. I miei e i suoi.
E’ entrato nei Medici Senza Frontiere e si è sparato Darfur, Tsunami in Banda Aceh, Angola ecc…
La mia vita di superviaggiatore mi appare quella di un turista a confronto.
L’ho sempre ammirato e lo ammiro ancora di più. Ci salutiamo. Lui deve cominciare la chemio.
Dopo qualche giorno arriva Lek e partiamo in viaggio, penso sempre di volerlo chiamare ma ricordo che lo chiamano tutti per sapere come va e decido di aspettare. Avrà bisogno di compagnia più avanti, quando la sua situazione sarà cosa normale.
Non ne ha più bisogno. E’ andato.

Ho ancora qui sul tavolo le stampe che avevo fatto per leggere qualcosa sul tumore al cervello.

Aveva la mia età.

Come al solito alla morte di qualcuno cerchiamo di annullarne l’inutilità. Di tirarne fuori qualcosa, per darle un senso.
Non serve, ogni vita ha un senso se chi l’ha vissuta gliel’ha voluto dare.
Scrivo solo per reazione, perché scrivere mi aiuta a interiorizzare.
Ma qualcosa la voglio dire: non aspettate a partire. Il tumore di Fausto forse era già iniziato il 31 Dicembre 1999 quando prendemmo il treno per Roma e poi l’aereo per Melbourne.
Ma non abbiamo aspettato e quei cinque anni e mezzo li ha vissuti. Se avesse detto:”metto via un pò di soldi, sistemo la casa e poi parto”?

Ripensando alla sua vita é come se lo avesse saputo, a livello inconscio, che non aveva molto da vivere.
Ora mi viene in mente una sua frase del 1999:
“voglio fare qualcosa per essere ricordato, per lasciare un segno”.
Non so se ce l’hai fatta Fausto, ma so che solo l’averci tentato ti ha permesso di vivere.
Capiremo solo dopo noi, che ci siamo ancora in mezzo.
Io ti saluto, hai fatto onore alla vita. Ti penserò sempre, specialmente quando avrò voglia di positicipare un sogno perché non é il momento giusto.
E mi viene in mente quello che scrissi nel 2001 in
http://www.tripluca.com/diari/tripest2001/prologo.htm
proprio nella casa dove vivevamo assieme:

Citazione:
Se mi garantissero ancora vent’anni di vita, domani mi cercherei un lavoro serio, lavorerei qualche anno e poi mi godrei i soldi, magari viaggiando. Ma forse proprio in questo momento il camion che domani potrebbe trasformare la mia macchina in una fisarmonica con me dentro, sta macinando chilometri su chilometri per arrivare in tempo all’appuntamento col destino davanti al quale voglio arrivare preparato

Quel camion per te é arrivato, per me non ancora, per tutti é partito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *